LE PAROLE CHE DANNO O TOLGONO ENERGIA
LA MIA RISPOSTA

Molti di voi hanno indovinato ieri le parole nascoste,alcuni hanno dato degli ottimi spunti,qualcuno ha centrato anche certi meccanismi energetici, ma anche chi non ha risposto
ha riflettuto sopra ed era questa la cosa importante,bravi e complimenti a tutti.

Si le parole sono .” VOGLIO e DEVO ” oggi vi dico il mio di parere e cosa ci sia sotto,sarà una risposta piuttosto articolata,vedrò di essere chiaro e non è detto che tutti siano d’accordo,ognuno può rimanere sulle proprie idee,io VOGLIO semplicemente dire la mia.

Credo che tutti conoscete la fiaba : “L’ erba voglio cresce solo nel giardino del re “,quando eravamo piccoli l’hanno raccontata anche a noi,chissà per quante generazioni ci è stata insegnata.

Una volta, quando i bambini dicevano «Voglio questo o voglio quello» si sentivano rispondere «L’erba voglio non cresce neppure nel giardino del re». Oggi al contrario quando dicono per esempio «Voglio l’acqua», li si invita ad aggiungere le parole «per favore» per ottenere quello che desiderano. Capita così di sentire bambini che esclamano «Acqua per favore!» – senza neanche utilizzare il verbo “volere”

Questo si insegna oggi nelle scuole di Steiner, e sapete perche?

Certo Steiner non era l’ultimo arrivato ma era un grande illuminato, lui sapeva perfettamente il potere delle favole che ci insegnano e come creino certe credenze da piccoli che poi da grandi diventino il nostro comportamento.

Ma sapeva anche distinguere anche gli insegnamenti spesso esoterici nascosti nelle fiabe, tante volte sono positivi altre volte negativi fà parte della polarità, di un potere occulto che usa questi strumenti di condizionamento iniziando proprio dal momento in cui il terreno è fertile ed è quello della nostra infanzia.

Da piccoli ci viene installato che il VOGLIO appartiene solo al RE e che noi popolo comune non abbiamo diritto a volere, da grandi crediamo che il VOGLIO sia una cosa che dobbiamo conquistarlo con la forza e con il sacrificio, oppure ancora peggio di non meritarselo non essendo dei re.

Piccoli semi di gramigna messi in una fiaba che da piccoli vengono seminati nelle nostre menti e poi da grandi infestano la nostra vita.

E questa è oggi la prima mia riflessione e pensiero :
Quando leggete o dite qualcosa ai vostri bambini o nipoti siate voi i primi ad avere consapevolezza di quali parole o insegnamenti stiamo loro installando,liberiamoci noi per primi da quella gramigna e poi smettiamo di continuare a seminarla.

La seconda riflessione :

Il VOGLIO a livello energetico attiva il chakra Ajna e poichè questo centro controlla l’ipofisi che a sua volta controlla il sistema endocrino permette di attivare tutta una serie di ormoni che fanno alzare all’istante l’energia del nostro corpo.

Ma attenzione l’energia si alza ma poi quale parte di noi essa va ad alimentare e a nutrire ?

Spesso solo la mente razionale e il nostro EGO il quale a sua volta in quel VOGLIO attiva l’illusione di desiderare cose che anche se vogliamo non sono quelle che veramente ci servono o ci fanno stare bene.

Voglio l’auto più lussuosa così sembro più importante, voglio l’abito firmato così sembro più bello, voglio l’ultimo cellulare uscito così sono più alla moda e così per troppe cose.

Si il voglio attiva tanta energia ma se usato per l’Ego poi la bruceremo tutta nel raggiungere cose che poi una volta raggiunte non ci renderanno più felici anzi spesso il contrario perchè ci indebitiamo con le rate il che equivale ad indebitare la nostra energia negli anni.

Ma sempre lo stesso VOGLIO quando si collega al nostro chakra del cuore allora il cuore diventa coerente e non è più un energia a disposizione dell’Ego ma una cosa per le cose che veramente sono importanti per il nostro essere e per le cose veramente utili per noi stessi e non per sembrare agli altri.

Capite la grande differenza energetica ma soprattutto delle cose che vogliamo e cerchiamo ?

Non è vero che il voglio è un privilegio del RE o del potere ma è un potere divino che tutti abbiamo e che tutti abbiamo il diritto di usare si tratta di imparare ad usarlo ed usarlo bene.

Voglio la salute, voglio l’amore,voglio la pace,voglio essere al servizio per un mondo migliore, sono cose che non sono in sintonia con l’ego ma con il nostro spirito, con il nostro essere profondo e con tutto l’universo.

e queste sono le cose che ci rendono felici,ci danno la gioia ma una cosa che dura non l’attimo fuggente di un nuovo cellulare, ed in questo caso il nostro volere accade senza sforzo.

Cercate non di capire ma di sentire quello che oggi vi dico all’interno di queste parole oggi vi è un grande verità che pochi conoscono ma troppi tengono celata.

Tutte le varie filosofie che oggi vanno di moda,dalla legge di attrazione,alla risonanza ed altre sono semplicemente raccolte in questa semplice ed unica legge universale:

Quando è il cuore a mandare il segnale all’Universo lui risponde sempre,quando è la mente egoica a mandarlo l’Universo non ti risponde,ti osserva e ti lascia fare senza nessun giudizio.

E se il ritorno è un dono dell’Universo perchè non essere allora riconoscenti a chi ci dona ?

Ritorniamo all’inizio del post agli insegnamenti di Steiner, e impariamo a cambiare anche la parola VOGLIO con un altra molto più bella ” FAVORE” facendola nostra e imparando ad usarla.

Voglio salute,voglio amore, voglio aiutare è bello ma se iniziassimo a dire :

AMORE PER FAVORE, PACE PER FAVORE,SALUTE PER FAVORE,SERVIZIO PER IL MONDO PER FAVORE.

Sentite come vi risuona ? Sentite dove risuona ?
Sentite come l’energia dei vostri cuori si espanda e si attivi ?
Vi sentite pervadere da una sensazione di benessere ?

Non lo so rispondete voi, io posso dirvi che più lo farete più i vostri cuori si espandono e più che si espandono più entrate con quella energia che tutto può donarvi,l’energia della vita.

Per oggi ci fermiamo altrimenti diventiamo troppo lunghi,poi domani parliamo della parola che inibisce, il DEVO e vedrete che scoprirete tanti altri piccoli o grandi segreti.